Pareggio amaro: sia Argentina che Brasile speravano nei tre punti al Monumental. (foto: La Rete)

Qualificazioni #Russia2018: Argentina ancora a secco di vittorie, il Brasile rimane un tabù

Il superclasico del Cono Sud finisce 1 a 1, con reti di Lavezzi e Lucas Lima. Albiceleste superiore nel primo tempo, ma in debito d’ossigeno sul finale, nonostante gli ingressi di Gaitàn, Lamela e Dybala. Martedì prossimo, a Barranquilla, sfida chiave con la Colombia di Pekerman

Continue Reading...
Risultato bloccato: tra Argentina e Paraguay finisce zero a zero nelle qualificazioni per #Russia2018 (foto: la rete)

Qualificazioni #Russia2018: alla ricerca dell’Argentina perduta

Una sconfitta e un pareggio, nessuna rete all’attivo, 1 punto conquistato su 6 disponibili, penultimo posto in classifica provvisoria dietro a Uruguay, Ecuador e Cile (6 punti), Paraguay

Il sacco di Buenos Aires: l'Argentina perde 0 a 2 dall'Ecuador nelle qualificazioni per #Russia2018 (foto: Franchi / Telam)

Qualificazioni #Russia2018: senza Messi l’Argentina piange al Monumental

Cadaveri eccellenti, quelli del primo turno di qualificazione ai mondiali del 2018 della zona sudamericana. Per la prima volta nella sua storia il Brasile viene sconfitto al debutto

Fine del sogno mondiale: Maradona festeggia la vittoria argentina ai rigori. (foto: la rete)

<b>PURO FUTBOL:</b> 25 anni fa, la partita che fece piangere l’Italia

Buenos Aires – Il 3 luglio 1990 l’Argentina batte l’Italia 4-3 ai rigori, volando in finale contro la Germania per la seconda volta consecutiva dopo Messico ’86. Finisce

Keylor Navas: un moccioso in guanti bianchi. (foto: la rete)

<b>Puro Futbol:</b> Keylor Navas, il moccioso in guanti bianchi

San José - La cittadina ha un nome lunghissimo ed altisonante: San Isidro de El General Pérez Zeledón e, proprio del Costa Rica, paese senza esercito, celebra le

Il biglietto ha funzionato: Romero festeggia un rigore parato all'Olanda, nella semifinale di Brasile 2014 (foto: la rete)

<b>PURO FUTBOL:</b> l’esilio dorato di Sergio Romero, dalla finale mondiale alla tribuna

San Paolo del Brasile, 9 luglio 2014, semifinale mondiale Argentina-Olanda. «Oggi ti mangi il mondo, oggi ti converti in un eroe»: Mascherano stringe tra le mani la faccia

Un facchino cammina per le strade deserte di Buenos Aires, quartiere di San Telmo, durante la finale dei Mondiali 2014, tra Argentina e Germania. Veste la maglia e un cappello coi colori della nazionale. (foto: Filippo Fiorini / Pangea News)

<b>COL CUORE IN VOLTO:</b> la passione argentina per i Mondiali di calcio FOTO

Buenos Aires – Tra il 15 giugno e il 13 luglio 2014, l'Argentina ha partecipato per la sedicesima volta nella sua storia ai Mondiali di Calcio. La squadra

Che cosa rappresenta questa foto per Google? La difesa (foto: la rete)

Mondiali: Google censura la disfatta del Brasile contro la Germania

«Non vogliamo girare il dito nella piaga. Una storia senza lieto fine sul Brasile, non deve por forza avere successo». Lo ha detto ieri Sam Choosley, il responsabile

Toreando la difesa: Kempes ai tempi d'oro (foto: la rete)

Kempes: «Quella Germania sembrava la vecchia Arancia Meccanica»

Buenos Aires - Sono passati 36 anni da quella finale dei Mondiali in cui El Matador Kempes affondò con una doppietta la temibile Arancia Meccanica olandese, ma lui

Buenos Aires: l'ombelico di un mondo a rovescio (foto: Pangea News)

<b>HASTA LA VICTORIA</b>

Se qualcuno fosse arrivato a Buenos Aires un'ora dopo la fine della partita con la Germania, avrebbe di certo creduto che l'Argentina aveva appena vinto la Coppa del