mercoledì 22 nov 2017

Perù: Indagato vicepresidente, rifiuta di dimettersi

Era stato lo stesso presidente Ollanta Humala a chiedere le dimissioni del suo vice, sotto indagine per un presunto intervento della polizia a favore di un impresa privata

Omar Chehade (fonte: la rete)

Omar Chehade (fonte: la rete)

Il vicepresidente peruviano Omar Chehade ha rifiutato di dimettersi dalla sua carica per le indagini di cui è oggetto da alcuni giorni; Chehade avrebbe ordinato un intervento della polizia a favore di una impresa che stà cercando di ottenere il controllo di uno zuccherificio temporaneamente autoamministrato dai lavoratori. A chiedergli di farsi da parte era stato lo stesso presidente Ollanta Humala.

«Dovrebbe farsi da parte» aveva detto ai giornalisti il presidente, una volta messo a conoscenza dei fatti. Chehade, dopo un giorno di silenzio, ha dichiarato che si prenderà una licenza, ma che non ha nessuna intenzione di rassegnare le dimissioni. Stando alle indagini, il vice di Ollanta Humala si sarebbe riunito con la polizia il passato ottobre per organizzare lo sgombero dello zuccherificio Andahuasi, attualmente autogestito dai lavoratori per una ordinanza giudiziaria.

Lascia un tuo commento