Colombia: la protesta delle campagne arriva in città, scontri

Incidenti nei maggiori centri urbani del paese. La gran parte dei colombiani sta con i contadini e una minoranza è scesa in piazza per dimostrarlo. Dura risposta della polizia, toni concilianti del governo, che però decreta il coprifuoco

Fuck: manifestazioni anti-governative in Colombia (foto: la rete)

Fuck: manifestazioni anti-governative in Colombia (foto: la rete)

Non sono bastate le proposte del governo per convincere i contadini colombiani a smobilitare la protesta che ormai da 12 giorni sta mantenendo in scacco tutto il Paese. Ora, la bandiera delle campagne è stata raccolta anche dai movimenti sociali, che hanno portato le dimostrazioni nei maggiori centri urbani, scontrandosi tutto il giorno con la polizia e portando a più di cento feriti ed altrettanti arresti su scala nazionale.

Mentre sono ormai quattro giorni che i funzionari di Bogotà negoziano con i rappresentanti dei contadini, che si oppongono fondamentalmente agli svantaggi competitivi che i trattati di libero scambio firmati dal governo portano all’economia agricola colombiana, nonchè ad altre situazioni normative che impediscono lo sviluppo della piccola proprietà contadina, quella che fino ad oggi era stata soprattutto una grande protesta settoriale, è diventata un sollevamento nazionale, che assomiglia in molti aspestti ai movimenti analoghi visti negli ultimi anni in tutto l’Occidente.

Gli indignados colombiani sono scesi in piazza forti di un generale consenso rispetto i motivi della protesta e contro il governo di centro destra di Juan Manuel Santos, successo nel 2010 all’amministrazione di segno congruente, guidata da Alvaro Uribe. «Usciremo da questa tormenta», ha detto nelle ultime ore della giornata di ieri il presidente, riconoscendo la portata del dissenso che ha ricevuto una dura risposta da parte delle forze di polizia.

In alcune zone di Bogotà è stato decretato il coprifuoco fino alle 5:30 di questa mattina, nonchè il divieto di vendere alcolici. Mentre c’è preoccupazione per il modo in cui proseguirà la vicenda sul piano sociale e le reazioni delle autorità.

1 commento

  1. Francesco scrive:

    Stanno massacrando di botte i contadini, la polizia ruba il cibo, entra nelle case e abbatte tutto ciò che incontra, bambini, anziani, chiunque.
    Guardate qui: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=m-hOwGjvSPc
    http://www.youtube.com/watch?v=_opUGXNZcCw

    Rispondi

Lascia un tuo commento