Cuba apre al mercato immobiliare e le case hanno il petigree

Nuovo e storico provvedimento del capitalismo di mercato: L’Avana è disposta a liberalizzare la compravendita delle case, una piazza chiusa da decenni. Yoani Sanchez svela i trucchi di come scegliere una buona residenza sull’isola, incominciando, per esempio dal suo petigree

Domino cubano: un mercato complesso, che però nasconde grandi opportunità (foto: la rete)

Domino cubano: un mercato complesso, che però nasconde grandi opportunità (foto: la rete)

Cinque ambienti con giardino in zona centro L’Avana? Se siete pronti a sbarcare nel mercato immobiliare cubano, dovete sapere che un’offerta del genere può nascondere per esempio un appartamentino a due stanze, suddivise in 5 con le pareti in cartongesso. Che il giardino potrebbe benissimo essere una grande pianta in vaso all’ingresso e che il centro potrebbe non corrispondere esattamente al punto in cui si incontrano le diagonali della città.

A raccontarlo e l’apprezzata quanto discussa blogger cubana Yoani Sanchez, che sull’onda della notizia di una possibile ed imminente apertura governativa al mercato delle case, ne svela tutti i segreti più reconditi e spesso incomprensibili per gli stranieri.

Secondo il suo resoconto, il prezzo di una casa a Cuba è volatile quanto una foglia di menta scappata a un mojito. Ci sono si quartieri “bene” e quartieri “male”, ma per lo più «gli zeri alla destra del prezzo», come li chiama lei, dipendono dalla scaltrezza o dall’ingenuità del venditore. La vicinanza col Malecon, per esepio, è considerato un fattore di lusso, così come vale anche per quartieri della capitale come Vedado, Miramar, Centro Habana, Vibora e Cerro. Al contrario, sono svalutatissime le residenze in zona Alamar, Coronela, Reparto Electrico, San Miguel del Padron e La Lisa.

Il fatto più curioso, però, è che un elemento centrale nel bilancio finale per acquistare una casa a L’Avana come nel resto di Cuba é il suo petigree. Che cosa influisce sul petrigree di una casa in territorio socialista? Beh, per esempio se sia mai stata soggetta ad alcun esproprio. Una casa che fu espropriata in una delle molte ondate interventiste, infatti, è soggetta al rischio che qualche proprietario prima o poi venga a reclamare un diritto di soggiorno antecedente al vostro contratto. Molti, comunque, decidono che vale la pena rischiare: si trovano vere e proprie gioie a prezzo stracciato.

Lascia un tuo commento