Pax Brasiliana: occupate altre favelas per garantire i Mondiali

“Pacificate” nella notte di ieri due baraccopoli a Rio de Janeiro. Le autorità: «Non abbiamo dovuto sparare neanche un colpo». Dal 2008 ad oggi sono 30 le favelas educate con la forza. Gli abitanti chiedono scuole, igiene e pavimentazione

Bope: La pace a mano armata (foto: Bope)

Bope: La pace a mano armata (foto: Bope)

Hanno portato le armi in un inferno chiamato paradiso, gli agenti della forza speciale Bope, ma per fortuna non hanno dovuto usarle: 1500 poliziotti scelti, appartenenti al corpo reso celebre dal film Tropas de Elite, hanno occupato ieri insieme a 600 fucilieri navali le favelas di Cajù e Barreira do Vasco, che insieme compongono il complesso di Cidade Maravilhosa, letteralmente, la Città Meravigliosa. «È stata l’operazione più tranquilla e ben riuscita in 4 anni di UPP», hanno detto le autorità di Rio, riferendosi alle Unità di Polizia Pacificatrice, impegnata appunto nella “pacificazione” delle baraccopoli che il governo porta avanti a tappe forzate in vista dei Mondiali di Calcio, delle Olimpiadi e della Confederations Cup.

L’operazione è scattata poco dopo le 5:00 del mattino di lunedì ed è durata 25 minuti. Le menzionate forze di fanteria sono state appoggiate da ben 17 blindati della marina, svelando come sempre che si entra nelle favelas come si sbarcherebbe in Normandia. Tutto tranquillo però ieri notte nella Città Meravigliosa. I narcotrafficanti non hanno sfoderato l’artigliera pesante, i lancia-missili e i grossi calabri visti altrove, probabilmente perchè avevano abbandonato la zona dopo l’annuncio dell’imminente intervento militare.

In tutto, vivono nei due complessi circa 22 mila persone che, trovandosi lo Stato in uniforme a portata di mano, ne hanno approfittato per fare presente le loro esigenze primarie in quanto a infrastruttura. Igiene, istruzione e pavimentazione. Queste sono state, secondo il quotidiano Folha de Sao Paulo, le principali richieste degli abitanti della zona, due favelas che si aggiungono come 29esima e 30esima alla lista delle “pacificate” dal 2008 ad oggi.

Sempre secondo il quotidiano paulista, nella giornata di lunedì gli apparati di assitenza sociale hanno già iniziato ad offrire i primi servizi a Cidade Maravilhosa, situata nella zona nord di Rio. «Siamo davanti a un compito monumentale – ha detto il portavoce della nettezza urbana – abbiamo già portato via 25 tonnellate di immondizia», mentre, in parallelo, è iniziato il ripristino dell’illuminazione, la pulizia delle fogne e la pavimentazione delle strade.

Lascia un tuo commento