mercoledì 15 ago 2018

Messico: i narcos confessano l’omicidio dei 43 studenti scomparsi

Una confessione firmata da tre dei 74 sicari arrestati per la scomparsa di 43 liceali della Normale di Ayotzinapa sottrae speranze e aggiunge dubbi a uno degli episodi più tragici e gravi della storia messicana. Mentre le autorità sperano di poter chiudere in fretta questo capitolo imbarazzante, i parenti e i compagni di scuola non si rassegnano e continuano a protestare

Al tappeto, ma non vinti: una manifestazione per il trivoamento dei 43 studenti messicani (foto: la rete)

Al tappeto, ma non vinti: una manifestazione per il trivoamento dei 43 studenti messicani (foto: la rete)

Una borsa della spazzatura piena di cenere fino a metà. Trovata in riva a un fiume di montagna, aperta coi guanti, divisa in provette, buste asettiche, scatoline e poi spedita all’Università di Innsbruck, dove i più grandi esperti al mondo diranno se contiene veramente resti umani e, nel caso, con quale dna: Questa è la fine che avrebbero fatto i 43 studenti messicani scomparsi il 27 settembre scorso in una manifestazione in cui, secondo tre nuove confessioni, sarebbero stati catturati dalla polizia e dati in mano a una banda di narcotrafficanti, che li avrebbe uccisi, bruciati e sparsi al vento, per conto del sindaco corrotto che erano andati a contestare.

«Ecco, mettevamo una fila così, poi la successiva sopra, nell’altro verso». Jonathan Osorio disegna una griglia sulla polvere, con un rametto che ha trovato in giro. Circondato dai detective, sta mostrando il modo in cui in quello stesso posto alla periferia della località di Iguala (300 km da Città del Messico), lui e altri dieci scagnozzi della cosca dei «Guerreros Unidos» avrebbero disposto i cadaveri dei liceali della Normale di Ayotzinapa su una pira di sassi, copertoni, benzina, bottiglie di plastica e legna.

Secondo l’Agencia de Investigacion Criminal, che ha diffuso il filmato, questa è la prima delle tre testimonianze che hanno portato a una svolta nell’inchiesta su uno dei fatti più tragici e gravi della storia messicana. «I tre detenuti hanno confessato di aver ucciso le persone che gli consegnarono i poliziotti di Iguala, in un posto sulla strada per Cocula detto il Poggio del Coyote», ha affermato venerdì sera il procuratore José Murillo. Da qui, i delinquenti identificati con soprannomi come «Bimbo», «Testone» o «Biondino» e comandati del capo Sidronio Casarrubias, avrebbero trasportato i corpi in due pick-up fino a una discarica defilata.

Almeno 15 dei ragazzi catturati qualche ora prima, però, sarebbero arrivati morti a destinazione. «Soffocati», risponde il teste quando gli si chiede perché. «A testa bassa», precisa invece quando lo si invita a mostrare il modo in cui gli altri si sono incamminati verso il plotone d’esecuzione. Dopo il rogo, le ceneri sarebbero state raccolte «in otto borse dell’immondizia di tipo grande», poi svuotate nel torrente San Juan. Tutte, meno due, che uno dei tre pentiti ha ammesso di aver scaraventato intere nella corrente, perché aveva fretta.

Mentre le autorità mettono le mani avanti in merito all’esito di un test genetico che ha dubbie possibilità di riuscita, dato il deterioramento dei campioni, si moltiplicano gli aspetti sfocati del racconto: La procura afferma che i tre abbiano confessato l’omicidio, ma nei video li si vede riconoscere solo l’occultamento dei cadaveri. Due di loro, dicono poi di aver lasciato bruciare la pira per sette ore ed essere tornati alle 14:00 di sabato 27, quando iniziava a spegnersi. Ma così, ammettono un buco di 7 ore dal momento in cui gli studenti sono stati presi, per ordine del sindaco José Luis Abarca, che voleva fargliela pagare per aver protestato contro la moglie Maria, candidata a succedergli alla guida del municipio prima che fossero entrambi arrestati, e sorella di uno dei capibanda dei «Guerreros Unidos».

Inoltre, a inizio ottobre un’altra soffiata proveniente da due delle 74 persone attualmente in carcere per la strage, aveva portato a una discarica in cui sono stati trovati molti corpi che, sebbene siano stati attribuiti sempre alla mano della polizia di Iguala, non erano però quelli dei liceali scomparsi. Per questo, i loro genitori e compagni, che hanno già seppellito i tre ragazzi uccisi la notte dei fatti, non si rassegnano alla notizia della loro morte, chiedono prove più solide e chiamano tutti i messicani a scendere in piazza e pretendere le dimissioni del presidente Enrique Peña Nieto.

Una versione di questo articolo è stata pubblicata sul quotidiano La Stampa.

Lascia un tuo commento

Powered by WordPress | Servicios de diseño