Guantanamo: in Uruguay libertà e amore per gli ex prigionieri

Due ex prigionieri di Guantanamo, ora residenti in Uruguay, si sposeranno con due cittadine di Montevideo convertite alla fede musulmana. Secondo quanto riportato dai media locali, la cerimonia si terrà nella moschea della capitale uruguaiana il prossimo 6 giugno, quando Abd Hadi Omar Mahmoud Faraj, siriano di 40 anni, si unirà a Fatima, uruguaiana di famiglia musulmana. E Adel Bin Muhammad El Ouerghi, tunisino di 50 anni, sposerà Samira, una donna di origine orientale che recentemente si è convertita all’Islam.

Sono ancora pochi i dettagli sull’identità delle due spose ma sulle reti sociali già si assicura che una delle due, Fatima, lavora attivamente in politica e ha vissuto diversi anni all’estero. Al momento vive con la madre e ha un figlio dal precedente matrimonio.

Le due coppie si sono conosciute a febbraio, poco dopo l’arrivo dei due ex prigionieri nel paese latinoamericano insieme ad altri quattro ex detenuti di Guantanamo.

Dopo dieci mesi di trattative tra l’ex presidente, Pepe Mujica, e il presidente Usa, Barack Obama, i sei uomini sono atterrati in Uruguay la notte fra il 6 e il 7 dicembre 2014, diventando così protagonisti del primo trasferimento da Guantanamo a un paese sudamericano. E il secondo in America Latina, dopo che El Salvador aveva accolto due prigionieri come rifugiati nel 2012.

Una versione audio di questo articolo è stata pubblicata su Repubblica Sera

Lascia un tuo commento