Cristina e il popolo: sempre più tesa la relazione con la cittadinanza, in seguito al #CasoNisman (foto: Pangea News)

Argentina: #Nisman voleva l’arresto di Cristina Kirchner

Una bozza della sua denuncia per favoreggiamento, poi scartata nell’esposto effettivamente presentato in tribunale, chiedeva la carcerazione preventiva del capo dello Stato. Silenzio da parte di Cristina Kirchner, rabbia del capo di gabinetto, Capitanich, che strappa in pubblico il giornale che ha dato la notizia

Continue Reading...
Due pezzi facili: Cabello è accusato di essere un capo narco (foto: la rete)

Mafia delle Stellette: accuse di narcotraffico contro il vicepresidente del Venezuela

Lo chiamano El Cartel de los Soles, letteralmente il Cartello dei Soli, ma anche la Mafia delle Stellette, per quei soli dorati appuntati in fila indiana sull'uniforme dei

Reti unificate: Cristina ha annunciato la riforma dei servizi e ha messo in difficoltà Diego Lagomarsino (foto: Cadena Nacional)

Caso #Nisman: Cristina riforma l’intelligence e punta il dito contro Lagomarsino per la morte del procuratore

Come già toccò a Dwight Eisenhower o a Peter Sellers, la presidente argentina Cristina Kirchner è comparsa ieri a bordo di una moderna sedia a rotelle (che usa per

Coscienza nazionale: gli argentini sono indignati dalla morte di Nisman (foto: Pangea News)

Argentina attonita: suicida il procuratore che accusava Cristina

Un colpo alla testa del procuratore e un colpo al cuore della società argentina: la morte del fiscal Alberto Nisman, avvenuta per mano propria domenica, nella solitudine di

Tempi gloriosi: la foto più famosa dei fratelli Guevara, nella Cuba rivoluzionaria (foto: La Pastera)

Il fratello di Ernesto Che Guevara: A Cuba non serve altra libertà, ma la fine dell’embargo

Buenos Aires -  Juan Martin Guevara arrivò a Cuba per la prima volta il 6 gennaio del 1959. Aveva 15 anni e suo fratello Ernesto, detto il «Che», lo

Presente e passato: i vecchi vizi della polizia brasiliana (foto: la rete)

Brasile: la polizia ha ancora licenza d’uccidere

Agli inizi la mafia brasiliana si occupava più che altro di gestire il jogo do bicho, un gioco d'azzardo simile alla tombola e molto diffuso in Brasile, nonostante sia illegale.

Cambia il vento: i Cinque Eroi sono tutti in libertà, ma chi ha voluto in cambio Obama? (foto: la rete)

Disgelo USA-Cuba: 4 volti noti e un agente misterioso

Lo scambio di prigionieri che la settimana scorsa ha portato Stati Uniti e Cuba a riallacciare le relazioni diplomatiche, conserva ancora un'aura di mistero. I cubani conoscono bene infatti

L'uccellino e il comandante: rapporti tesi tra Caracas e Twitter (foto: la rete)

Venezuela: il socialismo fa la guerra a Twitter

«La giustizia arriva, tardi, ma arriva sempre». Mancavano un paio di minuti alle undici di sera di mercoledì 20 agosto e il presidente del Parlamento venezuelano, Diosdado Cabello,

Unzione dal basso: Marina indica Aecio (foto: Dado Galdieri/Bloomberg via Getty Images)

Marina appoggia Aecio: il Brasile diventerà liberale e ambientalista?

La competitività femminile esasperata nella corsa per la presidenza, poi, una difficile sconfitta da mandare giù e, forse, anche la voglia di vendetta mascherata da razionalità politica. E

Un progetto serio: questo chiede il Nobel, Perez Esquivel, per spostare la capitale argentina (foto: Pangea News)

L’Argentina sposta la capitale, il Nobel Esquivel: «vogliamo la nostra Brasilia»

Settantatre anni alle porte, studi d'arte e architettura in gioventù, ma affermatosi poi come pacifista full time, Adolfo Perez Esquivel ha sul curriculum una plueriannale detenzione per reati