mercoledì 23 ago 2017

Guardia armata: il ristorante La Leche di Puerto Vallarta, dopo l'irruzione che ha portato al rapimento di sei persone, tra cui il figlio del Chapo Guzman. (foto: EFE/Ulise Ruiz Basurto)

Chapo, Chapito e Mayo: chi si nasconde dietro il rapimento del figlio del narco Guzman?

Un’irruzione armata in un ristorante di lusso. Il rapimento di almeno sei persone e informazioni contraddittorie sulla loro identità: c’è il figlio del Chapo Guzman tra i rapiti? Se si, è quello che conta, quello che non c’entra quasi niente o tutti e due? Tra i dubbi, il Messico affonda in una nuova guerra narco

Continue Reading...
Rafael Caro Quintero: Il Príncipe vuole il regno di Sinaloa (foto: la rete)

Il Principe vuole il regno di Sinaloa: c’è la mano di Rafael Caro Quintero dietro l’attacco a casa del Chapo

Nelle scorse settimane la nota giornalista ed esperta di criminalità organizzata Anabel Hernández ha pubblicato sul settimanale messicano Proceso alcune riflessioni sui recenti fatti di La Tuna: ricapitolando

Mani legate: El Chapo, dal carcere, assiste agli attacchi dei nemici. (foto La Rete)

Assalto alla roccaforte de El Chapo: i narcos rivali sbranano il Cartello di Sinaloa

Il 15 giugno un contingente formato da almeno centocinquanta persone ha fatto irruzione nel piccolo centro rurale di La Tuna, nello stato di Sinaloa, luogo di nascita ed

Il Messico brucia Donald Trump

Sull’odio per il Messico e i messicani Donald J. Trump ci ha costruito una buona parte della sua campagna elettorale. È come se disprezzare questo paese a sud

Meglio un morto in casa, che un Chapo alla porta

Da quando, venerdì scorso, è stato dato il trionfale annuncio della ricattura di Joaquín Guzmán a sei mesi dalla sua scenografica evasione da una prigione di massima sicurezza

La nazione dietro: Gisela Mota, sindaco 33enne uccisa al secondo giorno di mandato. (foto: la rete)

Scontro di poteri dietro alla morte della sindaca messicana: sono stati veramente i narcos?

Il 2016 in Messico è iniziato con uno scoppio. Non quello dei fuochi d’artificio sopra la bella statua dell’Angelo dell’Indipendenza di Città del Messico, ma quello dell’arma che

Territorio in disputa: «El Tisico» voleva riprendersi Michoacan, ma qualcuno gliel'ha impedito. (foto: la rete)

L’ultimo respiro del «Tisico»: ucciso il fondatore della Familia Michoacana, temibile banda del Messico narco

Nelle prime ore di lunedì 28 dicembre, in un parcheggio di un’autostrada che collega gli stati di Michoacán e Morelia, è stato ritrovato il cadavere di Carlos Rosales

In guardia: El Chapo sarebbe fuggito per un soffio (foto Saul Lopez /cuartoscuro.com)

Guerriglia urbana per il Chapo: il boss messicano fugge ancora

Joaquín “El Chapo” Guzmán, il leader del Cartello di Sinaloa evaso lo scorso luglio da un carcere di massima sicurezza in Messico, è stato ferito nel corso di

Il Messico macchiato dal caso dei 43 di Ayotzinapa: ancora nessuna verità. (foto: Ruben Espinosa/Cuartoscuro.com)

Un anno senza i 43 di Ayotzinapa: dubbi, menzogne e speranze di un caso ancora aperto

È il 26 settembre 2014 quando un centinaio di allievi della Normale rurale di Ayotzinapa, Guerrero, lasciano la loro scuola e si dirigono verso la città di Iguala

Ne mancano 41: il ritrovamento del secondo cadavere, non placa le pretese di verità avanzate da parenti e attivisti (foto: Ruben Espinosa / Cuartoscuro.com)

#Ayotzinapa: identificato il secondo studente, ancora senza tracce degli altri 41

L’annuncio della PGR cade esattamente dieci giorni dopo la relazione presentata dal Gruppo interdisciplinare di esperti indipendenti (GIEI), nominato dalla Commissione interamericana dei diritti umani a svolgere indagini