Nelle miniere clandestine dell’Amazzonia: «Restiamo qui anche se è proibito e pericoloso»

L’allarme inquinamento e la minaccia per la salute non spaventano il povero popolo di Madre de Dios, che ha problematiche in scadenza nelle prossime 24 ore. Benvenuti nella città dei temerari minatori e delle pazienti puttane che combattono ogni giorno per alimentare, nel loro piccolo, il mercato mondiale dei metalli preziosi

Il fuoco del progresso: bombardamenti alle miniere illegali di Madre de Dios (fonte: la rete)

Il fuoco del progresso: bombardamenti alle miniere illegali di Madre de Dios (fonte: la rete)

Quando dieci anni fa Constantina decise di lasciare la miseria della sua casa di Puno, sulle rive del lago Titicaca, credette che se avesse puntato sulle metropoli del Perù, sarebbe finita a far la fame in un sobborgo. Allora prese la direzione opposta e viaggiò per quattro giorni sulla strada dei primi cercatori d’oro in cammino verso Puerto Maldonado, l’ultimo scalo per le miniere clandestine dell’Amazzonia profonda. La settimana scorsa, nella notte in cui la polizia ha bombardato i macchinari del suo accampamento, in uno degli attacchi che sta realizzando contro questa lavorazione illegale, inquinante e nociva, Constantina si è tornata a chiedere che fare della propria vita, e ha deciso di restare a scapito dei rischi.

Meccanici, mercanti, prostitute, ingegneri ma soprattutto minatori, sono il popolo illecito della regione selvaggia di Madre De Dios, una delle meno abitate del paese, ma anche quella che consuma più combustibile. A trasformare questa terra di parchi naturali nel luogo in cui 40 mila ettari di bosco sono già andati perduti, è stata la crescita nei prezzi dell’oro che si è registrata a partire dal 2004 e la procedura arcaica per estrarlo dai fiumi con cui molti peruviani cercano di approfittarne da allora.

Arrivata coi pionieri, Constantina si trova oggi a difendere una miniera a cielo aperto che ha messo in piedi col marito e 20 braccianti, ma senza nemmeno una carta in regola. Come lei a suo tempo, d’altra parte, migliaia di altri avventurieri scendono quotidianamente dagli autobus che arrivano a Puerto Maldonado, cambiano i loro soldi in oro, la valuta corrente in città, e salgono sulle canoe che vanno ai giacimenti.

Sono soprattutto indios delle Ande, per cui il grammo di metallo prezioso che si guadagna in un giorno trascorso con le gambe a mollo, pesa più dei tre o quattro anni che impiega il mercurio a mostrare i propri effetti sull’organismo. Questo e altri veleni, vengono usati a mani nude per agglomerare l’oro disciolto nel fango. Non meno pericolosa, poi, è la professione delle impiegate dei bar come il Dolce Miele o il Caraibica: i bordelli annessi agli accampamenti dei minatori, ricevono la visita di un infermiere (e il rifornimento di profilattici) una volta al mese. Per il resto del tempo, le ragazze restano isolate.

«Non siamo illegali, siamo informali – dice Constantina, ora che improvvisamente il governo ha deciso di farla finita coi cercatori clandestini della foresta – perché invece di mandare gli elicotteri non ci danno una licenza?». Perché è terra protetta e il mercurio uccide, le hanno risposto. Ma sono argomenti più deboli di quelli che ha la sua povertà.

Una versione di questo articolo è stata pubblicata sul quotidiano La Stampa.

Lascia un tuo commento

Powered by WordPress | Servicios de diseño